Valentina Bencina é nata in Italia in una cittadina tra mare Adriatico e carso. Alla fine dei suoi studi parte in viaggio con carnet e pennelli in Europa, prima di volare verso il Messico e Cuba. Nel 2003 il suo cuore la porta in Francia, nei Pirenei, dove si installa. Grazie ai suoi incontri e alle esperienze di viaggio comincia a creare il proprio universo plastico. La musica é onnipresente nella sua vita. Nel 2007 partecipa al progetto « Manantial » per il quale illustra il cd. La musica di questo duo attinge nelle radici della memoria del mondo e nutre la sua pittura di una visione della sacralità della natura. Scopre il cartone nel 2009: é il colpo di fulmine per questo materiale povero. E' affascinata per le possibilità che ha di rigenerarsi, per la plasticità e la moltitudine delle sue faccette. Valentina crea i suoi personaggi partendo da un volto, lui donando la vita come ad una marionetta. Mette in scena piccoli poemi plastici, giocando sul colore e la materia. La sua inspirazione si insinua nel cuore dell' immaginario infantile dove si manifesta in permanenza la presenza della natura e del sogno.